Art. 1 - Natura e sede

L'Istituto Interdiocesano per il Sostentamento del Clero "I.I.S.C.", costituito congiuntamente dai Vescovi delle Diocesi di Salerno - Campagna - Acerno e di "Abbazia Territoriale Santissima Trinità di Cava de' Tirreni", in attuazione dell'art.21 delle Norme sugli Enti e sui beni ecclesiastici, approvata dalla S.Sede e dal Governo Italiano con Protocollo del 15 novembre 1984 (qui di seguito richiamate con la dizione "Norme") è persona giuridica canonico - pubblica.
L'I.I.S.C. ha sede in Salerno.


Art. 2 - Fini ed attività dell'Ente

l'I.I.S.C. ha i seguenti scopi:
a) provvedere, ove occorre, all'integrazione, fino al livello fissato dalla Conferenza Episcopale Italiana (di seguito più brevemente "C.E.I."), della remunerazione spettante al clero, che svolge servizio in favore delle diocesi partecipanti, per il suo congruo e dignitoso sostentamento;
b) svolgere eventualmente, previe intese con l'Istituto Centrale per il Sostentamento del Clero ("I.C.S.C."), funzioni assistenziali e previdenziali integrative ed autonome per il clero;
c) intrattenere gli opportuni contatti con le amministrazioni civili locali, nell'ambito delle proprie competenze;
d) provvedere ad iscrivere nel proprio stato di previsione annuale un capitolo di spesa onde far fronte alle necessità, di cui all'art.27, comma secondo delle Norme, che si dovessero manifestare nel corso dell'esercizio.
L'I.I.S.C. può compiere tutti gli atti di natura tanto mobiliare che immobiliare e finanziaria necessari o utili tanto per la migliore realizzazione dei fini istituzionali quanto per l'organizzazione e la realizzazione delle proprie strutture.
Esso può, inoltre, svolgere eventuali altre funzioni che gli fossero demandate da regolamenti emanati dalla C.E.I. o che gli fossero proposte dall'Istituto Centrale per il Sostentamento del Clero, nel quadro dei suoi fini istituzionali.


Vostra privacyArea riservataCredits
Copyright © 2005 Istituto Interdiocesano Sostentamento Clero - Salerno
Tutti i diritti sono riservati, a norma di legge.